Home Su Commenti Classe Quinta Classe Quarta Materiali Risorse sul web
 Lezione 006 - esercizio Amm.vo
Prof. Umberto Conticiani

Scarica la lezione 6

L’esercizio amministrativo e il reddito di esercizio.

Il concetto di "reddito globale" è un concetto teorico che trova scarsa applicazione nella pratica.

Non si può aspettare la cessazione dell’attività per conoscere quale sia stato reddito globale conseguito: è perfettamente inutile e troppo tardi per prendere le decisioni correttive.

Ecco quindi che della vita aziendale viene divisa in periodi, di solito coincidenti con l’anno solare, detti appunto "Periodi amministrativi"

Esercizio:

è l’insieme delle operazioni di gestione compiute in un periodo amministrativo che in genere va dal 1 Gennaio di un anno al 31 Dicembre dello stesso anno.

la suddivisione della vita aziendale in periodi amministrativi è

opportuna:

è opportuno controllare e analizzare periodicamente i risultati conseguiti per correggere o migliorare per tempo la gestione.

necessaria:

la legge impone la determinazione annua dei redditi per accertare le imposte dovute.

artificiosa:

suddividere la vita aziendale in periodi comporta problemi in quanto, al 31 dicembre, (fine del periodo amministrativo e necessità di determinare il reddito), troppe operazioni che generano costi e ricavi non si sono concluse, troppi costo ricavi riguardano più esercizi (vedi beni strumentali) e devono essere suddivisi, diversi fattori produttivi sono stati acquistati ma non sono stati utilizzati, ecc.

Il reddito del periodo amministrativo, reddito di esercizio, si trova facendo la differenza, non fra tutti i ricavi e tutti i costi sostenuti, ma solamente fra i ricavi di competenza dell’esercizio e i costi di competenza dell’esercizio.

 

REDDITO DI ESERCIZIO = ricavi di competenza-costi di competenza

Costo di competenza :

costo di tutti e solo dei fattori produttivi interamente utilizzati nell’esercizio

Ricavo di competenza:

ricavo maturato nell’esercizio e che nell’esercizio ha avuto il correlativo costo.